martedì 11 marzo 2014

La politica spiegata al Popolo

Alceste

Accisa. Insulto romanesco.
Astensionismo. Larga fetta dell'Elettorato Attivo o Popolo a cui si impedisce ingiustamente d'avere rappresentanti.
Carabinieri. I Carabinieri sono come i Poliziotti, ma più guareschiani. Assomigliano tutti a Flavio Insinna.
Coesione. Invito fintamente bonario alla Governabilità. Secondo alcuni interpreti potrebbe, pero, significare: "Occhio, ragazzi!".
Confindustria. Associazione di nababbi impegnata a sbagliare qualsiasi previsione economica dai tempi di Quintino Sella.
Coppie di Fatto. Coppie esenti dal battesimo istituzionale; godono del privilegio di rovinarsi vicendevolmente la vita senza l'inciampo di avvocati e tribunali.
Costituzione. Raccolta di antiche sentenze dei mores italici, ora caduta in universale discredito.
Criminalità. Termine generico con cui si designa chi cerca di imitare le gesta dei membri del Parlamento (Elettorato Passivo o Ceto Politico o Casta).
Demagogia. Tendenza politica ad assecondare il Popolo Bue. La Demagogia? Come far recitare Amleto da Enrico Brignano.
Democrazia. Esportata in blocco; ne rimane qualche avanzo in frigo.
Destra/Pensiero di destra. Congerie di credenze sovrannaturali atte risvegliare la parte più gonza dell'Elettorato Attivo di riferimento. Lo stesso che Sinistra/Pensiero di Sinistra: ma con qualche rutto in più.
Diritti delle minoranze. Espressione furbesca che ingenera surrettiziamente nelle maggioranze la certezza di godere diritti.
Dissenso. "Fredo, sei il fratello maggiore e io ti voglio bene. Ma non ti azzardare mai più a schierarti contro la famiglia, è chiaro? Mai più". (Michael Corleone)
Elettorato Attivo. L'Elettore o Popolo. La quasi totalità degli Italiani. L'Elettore delega periodicamente la propria condizione di cittadino a perfetti sconosciuti che militeranno vita natural durante nell'Elettorato Passivo o Ceto Politico o Casta, riuniti in appositi spazi ludici (Parlamento, Assemblea cittadina, Consiglio Regionale e Provinciale, Municipio, Comunità Montana).
Elettorato Passivo. Altrimenti detto Ceto Politico o Casta. Accozzaglia di elementi indesiderabili della società che, annualmente, viene confinata in apposite aree del Paese (Parlamento, Assemblea cittadina, Consiglio Regionale e Provinciale, Municipio, Comunità Montana).
Elezioni. Deità invocate da chi presume d'essere eletto.
Giornalista. Perdigiorno con minore padronanza della sintassi rispetto al Notista Politico. Si distingue per l'uso di topoi ormai celeberrimi: al vaglio degli inquirenti, bomba d'acqua, piccolo Tommy, tragedia familiare.
Emigrazione. Vivo dolore ha destato l'affondamento di un barcone di Italiani al largo delle coste tedesche.
Enti locali (Regioni. Province. Comuni. Municipi. Comunità montane). Struttura costituzionale modellata sulle gerarchie angeliche (Serafini, Cherubini, Troni, Dominazioni, Virtù, Arcangeli et cetera) in grado di ricreare fedelmente, a livello sempre più minuto e parodistico, l'inefficienza pubblica.
Famiglia. Di solito assomma tre generazioni con grado discendente di solvibilità.
Federalismo. Sorta di Rocky Horror Picture Show in costume celtico. Ora in disuso.


Giornale (o Telegiornale). Raccolta di resoconti, freddure e alte opinioni che, venduta come fresca il mattino, manda odor di rancido la sera stessa. L'alta opinione è, quasi sempre, donata al Popolo da un opinionista che possiede un'alta opinione di se stesso (e scarsissima del Popolo).
Giornalismo. Innata capacità a mentire con brillantezza. Se televisivo, il Giornalista Brillante si fregia di Maniche Rimboccate o di Amichevole Autorevolezza o di Giovanile e Composta Baldanza da Manichino.
Giovani. Termine con cui si infiorettano discorsi inutili.
Giustizia. Gioco da tavolo in cui la gattabuia è più vicina al Vicolo Stretto che al Parco della Vittoria.
Globalizzazione (o Delocalizzazione). Fenomeno mondiale basato sul principio dei vasi comunicanti. Si mette in collegamento un salario riempito per 8/10 con un salario riempito per 2/10. Il primo scende a cinque, il secondo sale a cinque. Le spiacevoli conseguenze sono regolate tempestivamente da Polizia e Carabinieri.
Governabilità. Disteso clima politico atto a facilitare la sistematica predazione delle risorse pubbliche. Il contrario: Instabilità: cui l'invito alla Coesione.
Immigrazione. Fenomeno sociale legato all'isola di Pantelleria.
Job Act. Culto celeste del dio Precario Job.
Larghe intese. Sesso fra consanguinei.
Lavoro. Antico dio della cosmogonia europea. Sovraintendeva al rapporto padrone/salariato. La liturgia del dio Lavoro era officiata dall'Antico Ordine dei Sindacalisti. La figura perse progressivamente il proprio ruolo centrale a seguito dell'irruzione delle deità transatlantiche, dominate dal culto celeste del Precario Job.
Legge. Una tira l'altra.
Legge elettorale. Abile ricalcolo di matematica creativa per trasformare in maggioranza una parte del Ceto Politico o Casta votato da una sparuta minoranza dell'Elettorato Attivo (o Popolo; già Popolo Bue).
Legge di Stabilità. E che minchia è? È all'uso calabrese: significa che l'Italia dorme coi pesci.
Matrimonio Omosessuale. Subdola macchinazione ordita per gettare nella disperazione una minoranza di cittadini, ora felici.
Maschio. Quadrumane ormai estinto, il Maschio era una figura dai tratti chimerici e patriarcali che passava l'esistenza in uno stato edenico garantitogli dalla Femmina (ora Donna). Viene tuttora confuso da alcune zoologhe sociali con l'Uomo, tremebonda e infrollita diramazione genetica d'esso. Tale equivoco sfocia irresistibilmente e periodicamente nelle querule rivendicazioni catalogate sotto il generico contrassegno di Parità di Genere.
Montesquieu. "Il potere esecutivo, legislativo e giudiziario vanno scrupolosamente e rigidamente divisi!". E giù risate.
Notista politico. Perdigiorno in grado di mettere in bella prosa una nutrita serie di menzogne.
Occupazione. Controversa figura mitologica. Originariamente figlia/paredra del dio Lavoro, il culto di Occupazione venne riassorbito da quello del Dio Precario Job. Era sempre accompagnata dall'epiteto di Piena: Piena Occupazione.
Pace. E Bene.
Pacificazione politica. "A' pistola lasciala ... Pigliami i cannoli" (Pete Clemenza)
Parità di genere. Credenza fallace nell'esistenza del Maschio. Più spesso, machiavellismo inteso a stornare l'attenzione dell'Elettorato Attivo o Popolo (Bue) dalla (dis)parità di Salario.
Parlamento. Spazio ludico per un giuoco di ruolo, Democracy, importato in Italia a metà degli anni Quaranta.
Parlamento Europeo. Consesso legislativo sovranazionale in cui la Finlandia regola giuridicamente la coltivazione degli olivi mediterranei.
Pensione. Esponente minore del Pantheon italico antico, venerata a margine del culto del dio Lavoro.
Polizia. I Poliziotti sono come i Carabinieri, ma più sbarazzini. Assomigliano tutti ad Alessandro Preziosi.
Populismo. Biliare e strapotente impulso a strangolare qualcuno.
Qualunquismo. Tendenza ad azzeccarci.
Querela. Istituto giuridico utile per zittire chi ha ragione da vendere.
Quote rosa. Complicatissimo stratagemma per ripartire sessualmente in parti eguali circa mille cialtroni.
Razzismo. Odio sorgivo e incontrollabile per chi non ha soldi.
Responsabilità. Vocabolo icastico usato per giustificare l'ingiustificabile: i Responsabili, invito alla Responsabilità, alto senso di Responsabilità. La Responsabilità: presa in compresse, da sciogliere sotto la lingua, tre volte al dì, aiuta a lenire le infiammazioni populiste.
Ripresa. La Ripresa del 2011. La Ripresa del 2012. La Ripresa del 2013. E la Ripresa del 2014: in salita, in quinta marcia, su una Fiat Duna.
Salario. Bizzarro culto, parallelo a quello di Ferie e Malattia, che ha tenuto inspiegabilmente banco religioso negli ultimi due secoli. Bollato come eretico da un'enciclica transatlantica del 1989, oggi sopravvive a stento, relegato in qualche ridotta ministeriale o statale.
Salute. E figli maschi.
Scuola. Campi concentrazionari in cui allevare nell'ignoranza il futuro Elettorato Attivo o Popolo.
Scuola Privata. Rilassati collegi in cui allevare nell'ignoranza i futuri plutocrati e membri dell'Elettorato Passivo o Ceto Politico o Casta.
Sicurezza (già Legge o Ordine). Moto di decisionismo che emergeva, con sicurezza estrema, quando i partiti di destra erano in crisi di consenso. Abusato a livello locale (specie dopo episodi di crimini sessuali a opera di zingari e rumeni), il termine, slittato anche nel gergo corrente della Sinistra, sembra oggi fuori moda.
Sindacato. Potente, ma dimenticata confraternita religiosa delegata ai riti del culto del dio Lavoro. I CAF ne sono la parodia secolarizzata.
Sinistra/Pensiero di sinistra. Congerie di credenze sovrannaturali atte risvegliare la parte più gonza dell'Elettorato Attivo di riferimento. Lo stesso che Destra/Pensiero di Destra: ma con De Gregori e Fossati in più.
Società. Recentemente abolita.

TFR. Altro nome della dea Pensione.

Nessun commento:

Posta un commento